info@marsontheroad.com

Valencia: dove la storia incontra il futuro


  Sonia   |     29/06/2016

Condividi l'articolo su        



Valencia è una città che ha tanto da offrire; è la terza città della Spagna per grandezza e gode di un clima mediterraneo mite e umido con 300 giorni di sole all’anno.

Iniziamo a scoprirla partendo dal centro storico.

I monumenti da non perdere: Plaza dal de la Virgen, Ayuntamiento (Municipio), La lonja de la seda (Mercato della seta), Basilica de los Desemparados (Vergine degli Abbandonati patrona della città), Iglesia de san Nicolas, Inglesia de San Augustin, Plaza Redonda (Piazza rotonda utilizzata per il commercio), Plaza de Toros (arena, luogo di corride ma non solo), Torres de Quart, Torres de Serranos, Mercado Central (tappa fondamentale per gli amanti della gastronomia), Miguelete (campanile al quale si accede salendo 207 scalini a piedi per godere poi di una spettacolare vista dalla città), Palau de Borgia, Palau de la Generalitat, Universidad de Valencia, La cattedrale (dov’è conservato il Santo Calice che utilizzò Gesù Cristo durante l’ultima cena).



Il centro storico è caratterizzato da una convergenza di stili Romanico, Barocco e Gotico. Il tutto lo si può visitare in un giorno, poi se si vuole fare visita anche ai musei bisogna considerare un giorno in più.

Continuiamo con i suoi quartieri (barrios) che secondo me vale la pena visitare:

Ruzafa è un quartiere che ultimamente va sempre più di moda, multietnico, con tanti locali alternativi e vivo 24 ore su 24. Famoso è anche il mercato di Ruzafa, mercato al chiuso, specializzato nella vendita di generi alimentari di ogni tipo. Mentre tra i miei bar preferiti consiglio Cafè Berlin, Ubik, Dulce de Leche, Red Cup, Ubik Cafe. Tra le dicoteche: Nylon, Play, Xlarge, Picadilly.

El carmen è il quartiere del centro storico di Valencia. Di giorno è popolato da turisti che passeggiano e fanno shopping tra vari negozi alternativi; mentre di sera si popola di giovani che frequentano vari locali di tapas e birra. Molto interessante è anche il tour dei graffiti che ormai popolano questo quartiere. Consiglio Cafè de las hora per sorseggiare la famosa Agua de Valencia (Acqua di Valencia): un cocktail a base di Cava o champagne, succo d'arancia, vodka e gin. Famosa e disponibile in ogni bar della città è anche l’"Horchata de Chufas" (una bevanda zuccherata elaborata con un tubero che si chiama "chufa".
Discoteche vicino al centro: La premiere, Indiana, Play club e Nylon Club.

Benimaclet è un quartiere che è stato inglobato non molti anni fa dalla città a causa della sua espansione. Esso è un luogo frequentato soprattutto dagli studenti universitari. Ho vissuto proprio qui, in calle Reverendo Rafael Tramoyeres (con Dora, Natasha e Barbi che ringrazio per alcune foto), dove ogni venerdì mattina si svolge il mercato di Benimaclet: è possibile trovare sia vestiti che robe per la casa. La piazza di Benimclet è il punto in cui si trovano numerosi bars ma anche punto di incontro di molti ragazzi. I bars che consiglio sono Cafe Tulsa, London, Chico Ostra,  El Ríncon del Duende, Quinto y Tapa, 100 Montaditos, Acompaña la caña, Tallafocs GastroBar, El Carabasser, Zyriab Café e, di recente apertura, La Mosqueta.

Ogni anno a fine maggio si svolge il Festival di Tapas (stuzzichini serviti nei caffè spagnoli insieme all'aperitivo, a un bicchiere di vino o a una birra) per 2 giorni dove si possono mangiare tapas di tutti i tipi.

Non distante da Benimaclet si trova l’avenida Blasco Ibáñez dove in cui è organizzata varie sedi dell’Università e di sera ci sono vari locali come Rumbo 144, Caribbean's e Agenda club.

- Cabanyal è il quartiere marittimo caratterizzato da case colorate con racconti tipici di pescatori. Ci sono anche vari tour organizzati che durano 2 ore (con Turiart) per scoprire questo quartiere senza perdersi niente. Il mio locale preferito è senza dubbio La Fábrica de Hielo: un locale alternativo che dà spazio all’esibizioni di gruppi emergenti, mercatini tipici e scambio di opinioni.

- La Malvarosa è un quartiere che prende il nome proprio dall’omonima spiaggia La Malvarosa (malva è il nome di un fiore che si coltivava in questo spazio). È la spiaggia più famosa di Valencia vicina a quella de Las Arena (dove c’è l’Hotel Balneario Las Arena a 5 stelle Deluxe).Ha una lunghezza di 1 km e si configura come una spiaggia ampia dalla sabbia fine, fiancheggiata dal lungo mare, pista ciclabile, e da vari servizi come campi di beach volley, circuito di wellness, ristoranti, ecc.

La notte tra il 23 e 24 giugno si festeggia la notte si San Juan (San Giovanni). Cittadini e visitatori si ritrovano nelle spiagge del “Paseo Maritimo” per trascorrere la serata più breve dell’anno. Si tratta di una notte animata da danze e concerti e si conclude con vari dj distribuiti su varie spiagge. A partire dalle ore 19 dello stesso giorno, fiumi di gente si recano sulle spiagge di Malvarrosa e il Cabañal, dove è distribuita gratuitamente la legna per preparare piccoli falò sulla sabbia. Qui, musica e balli si alternano insieme a giochi e riti di buon auspicio, come quello, ad esempio, di saltare sette onde in mare: si dice che porti fortuna e ricchezza per tutto l’anno!

Locale più di moda, nella zona della Marina Real Juan Carlos I, è il favoloso Marina Beach Club, il nuovo club sulla spiaggia aperto a tutti con una splendida terrazza con vista sul Mediterraneo. Il suo ristorante è aperto tutto l’anno mentre durante l’estate è molto frequentato anche il pool bar. La domenica è comune fare aperitivo qui e fermarsi fino a tarda notte per ballare sulle note di vari deejays. Altri discoteche: Akuarela e La 3 club.

Il tocco d’avanguardia però lo fornisce lo spettacolare edificio Vela del Vents che possiede un’offerta culturale e gastronomica durante tutto l’anno.Inoltre a soli 10 km da Valencia si trova il Parco Naturale de La Albufera. È il luogo dove si coltiva il riso che poi viene utilizzato per cucinare la famosa Paella Valenziana; è anche un paradiso naturale per numerose specie di uccelli. Assolutamente da non perdere è il ristorante di Mateu dove ho mangiato una buonissima paella e varie tapas.



Insomma si tratta di una città dove la storia incontra il futuro: ricca di cultura e tradizioni ma allo stesso tempo si integra molto bene con il divertimento per i più giovani!

Richiesta informazioni


HO LETTO E ACCETTO INFORMATIVA

Valencia: dove la storia incontra il futuro


Valencia: città ideale per vivere



Marica&Sonia

Due instancabili viaggiatrici, con lo sguardo e i pensieri che vagano fuori dai confini del mondo.

CONTINUA A LEGGERE...