info@marsontheroad.com

Dal Vietnam al Laos via terra


  Marica&Sonia   |     17/03/2018

Condividi l'articolo su        



Oggi lasciamo il nord del Vietnam, dove siamo rimaste per 2 settimane. Con il passaporto italiano, infatti, è possibile ottenere un visto gratuito all’arrivo nel Paese che dura 15 giorni. Tale permesso è usufruibile una seconda volta solo se si rimane fuori dal Paese per almeno 30 giorni. In alternativa è possibile richiedere il visto di 1 mese in anticipo presso la propria ambasciata.

Durante questi giorni, dunque, abbiamo avuto modo di visitare città caotiche come Hanoi, paesaggi con viste mozzafiato nella provincia di Ha Giang, cascate al confine con la Cina come Bang Cioc nella provincia di Cao Bang e molto altro. Al termine del nostro tour in Vietnam (vedi altri articoli a riguardo ), decidiamo di raggiungere il Laos da Hanoi. Prenotiamo un bus in un'agenzia di viaggio per 41$. Il pick-up dall’agenzia è alle 17. Ci trasferiscono poi in un bus notturno (qui in Vietnam sono davvero ottimi, con sedili quasi completamente reclinabili) e partiamo alle 19.30. Prendiamo delle provviste di cibo e acqua dal momento che ci aspettano dalle 24 alle 30 ore di bus. Cosa importante: non possiamo bere troppo perché sul bus non c'è il bagno e non sappiamo quando sarà la prossima fermata!

Il viaggio prosegue bene fino all’arrivo della frontiera del Vietnam (attraversiamo la frontiera a Tay Trang Border Gate). Sono le 7 del mattino e ci siamo fermati una sola volta. Una volta ottenuto il timbro di uscita (procedura molto lenta), prendiamo un panino con uova per colazione e proseguiamo a piedi verso la frontiera del Laos. Applichiamo per il visto all’entrata. Paghiamo 35$ (attenzione: bisogna avere dollari americani o Baths - moneta thailandese). Poi bisogna pagare 60,000 dong per le tasse ossia poco più di 2 euro. Superato il primo controllo, bisogna pagare prima 20,000 kip  (moneta del Laos :10,000 kip sono 1€) e poi altri 20,000 kip (non si è ben capito per quale ragione).
Torniamo sul bus e riprendiamo il viaggio fino a Udom Xai dove cambiamo bus. Purtroppo non abbiamo moneta locale e non ci sono atm in giro quindi non possiamo comprare cibo. Ci accontentiamo di quello che abbiamo.

Dopo mezz'ora di cammino con il nuovo bus realizziamo che stiamo procedendo molto lentamente a causa di un guasto (non riusciamo a capire di cosa si tratta a causa della difficoltà nel comunicare con l’autista).

Dopo circa 2 ore, dunque, ci fermiamo e cambiamo bus ancora una volta. Finalmente, dopo ben 28 ore di bus, raggiungiamo la cittadina di Luang Prabang. Incredibile ma vero, ce l’abbiamo fatta!

È stato un viaggio lungo ma per fortuna non abbiamo avuto grandi problemi e i bus sono stati davvero molto comodi. Sicuramente un’esperienza da provare!
 

Richiesta informazioni


HO LETTO E ACCETTO INFORMATIVA

Rishikesh: capitale mondiale dello yoga


Taj Mahal: la tomba più bella al mondo


Varanasi: una delle città più antiche del mondo


Il paesaggio magico nell'area di Ladakh


Da Manali a Spiti Valley



Marica&Sonia

Due instancabili viaggiatrici, con lo sguardo e i pensieri che vagano fuori dai confini del mondo.

CONTINUA A LEGGERE...