info@marsontheroad.com

Tutto quello che c'è da sapere su Sukhothai


  Marica&Sonia   |     02/03/2018

Condividi l'articolo su        



Dopo esserci rilassate tra le montagne, le cascate e le grotte nella verde e tranquilla Pai (https://www.marsontheroad.com/it/destinazioni/60/pai-backpackers-paradise), è il momento di iniziare la nostra discesa verso Bangkok.
 
Prima sosta: Sukhothai.
 
Sukhothai è una piccola città (35.713 abitanti) del nord della Thailandia, la capitale dell’omonima provincia durante il tredicesimo e quattordicesimo secolo e la più famosa per le rovine dell'antica città di Sukhothai. Il nome si traduce come "l'alba della felicità".

La città moderna fu fondata attorno alla fine del XVIII secolo dal re Rama I, dopo le devastazioni subite da quella antica durante le invasioni birmane che causarono la distruzione del Regno di Ayutthaya.
 
l parco storico è gestito dal Dipartimento delle Belle Arti della Thailandia con la supervisione dell'UNESCO che nel 1991 l'ha dichiarato patrimonio dell'umanità. Viene visitato da migliaia di visitatori ogni anno.
 
Sukhothai è divisa in città antica e città nuova. Consigliamo di alloggiare nella parte nuova dove si concentrano la maggior parte degli hotels. Noi alloggiamo presso Happy Guesthouse 2 : camera doppia al costo di 200 THB - circa 6€.
 
Al mattino prendiamo un taxi condiviso, sulla strada principale di fronte al Seven eleven,  al costo di 30 THB. Dopo circa mezz'ora arriviamo nel parco storico di Sukhothai dove noleggiamo una bici per 30 THB e così iniziamo a visitare il parco.
 
L'ingresso del parco è di 100 Baths più 10 Baths per la bici.
 
Tutto il parco è racchiuso in un rettangolo ed è circondato da 3 cerchi di mura che facevano da protezione per le invasioni birmane e dei Khmer.
 
L'Antica Sukhothai è stata costruita attorno al tempio Wat Mahathat, complesso principale. In questo tempio si crede siano state riposte le reliquie del Signore Buddha sono state custodite.
 
Continuiamo a pedalare tra gli altri resti: Ta Pha daeng Shrine, Wat Si Sawat, Wat Sa Si, Wat Saphan Hin e Saritphong.
Nella parte est, al di fuori delle mura, si trova il Wat Tra Phang Thong Lang. A nord : Wat Phra Phai Luang, Wat Si Chum, Tao Thu Riang. A sud: Wat Chetuphon.
 
Noi decidiamo di visitare solo il parco storico principale, quindi dentro le mura. L'ingresso per ogni zona è di 100 Baths più 10 Baths per la bici. Altrimenti c'è un pass che racchiude tutte le zone al costo di 350 Baths.
 
Se si vogliono visitare tutte le rovine consigliamo di andare la mattina presto. Noi impieghiamo circa 3 ore per visitare il parco. È davvero piacevole pedalare nel verde lontano dalle auto. Inoltre la bici crea quel venticello che ci dà un po’di respiro dal caldo afoso.

Se volete scoprire resti di templi anche ad Ayutthaya leggete il seguente articolo:

Richiesta informazioni


HO LETTO E ACCETTO INFORMATIVA

Il paesaggio magico nell'area di Ladakh


Da Manali a Spiti Valley


Una guida dettagliata per il trekking di Kheerganga


McLeod Ganj: patria di Dalai Lama


Esplorando il deserto del Rajasthan



Marica&Sonia

Due instancabili viaggiatrici, con lo sguardo e i pensieri che vagano fuori dai confini del mondo.

CONTINUA A LEGGERE...