info@marsontheroad.com

Hoi An: la città delle lanterne


  Sonia   |     13/05/2018

Condividi l'articolo su        



Dopo aver visitato Huế (vedi articolo), decido di prendere un bus di mattina pagato 90,000 dong (circa 4€) per andare a Hoi An: sono solo 3 ore di strada.
 
Hoi An è una piccola città nella costa centrale del Vietnam, situata all'incirca a metà strada tra Hanoi e la città di Ho Chi Minh. Questa piccola città un tempo era considerata la migliore città portuale per il commercio dei mercanti cinesi e giapponesi. L'influenza di questi due popoli si osserva in tutta la città antica, dall'architettura al cibo. La città si accende di notte con le lanterne, mentre persone provenienti da ogni parte si radunano e si mescolano lungo il fiume. È uno dei luoghi più fotogenici e attraenti visitati in Vietnam finora.
 
Ho alloggiato presso il Sunflower Hostel  pagando 136,000 dong ossia circa 5€ (la mattina offre una colazione a buffet con molte opzioni). La struttura si trova a 15 min. a piedi dal centro storico, a 3 km dalla spiaggia “Cua Dai” e a 7 km dalla spiaggia “An Bang”. Inoltre dispone di una piscina e varie offerte di “happy hour” ogni giorno. Lo consiglio.
 
Iscritta all'UNESCO nel 1999, Hoi An è un esempio eccezionalmente ben conservato di un porto commerciale del Sud-Est asiatico risalente al XV-XIX secolo. È molto bello camminare per le stradine del centro e perdersi tra i vari negozi che vendono vestiti su misura o scarpe in pelle su misura (ho deciso di farmi fare dei sandali modello Birkenstock per 15€ ).
 
Inoltre se si vogliono visitare le varie casette antiche o il ponte giapponese, bisogna comprare un biglietto d’ingresso pari al 150,000 dong che prevede l’ingresso di 5 posti. Io non l’ho ritenuto opportuno ma se siete appassionati di storia ve lo consiglio.
Molte sono le persone che decidono di fare un giro in barca dopo il tramonto quando i fiume è pieno di lanterne galleggianti. Davvero si respira un’atmosfera magica qui.
 
Il giorno successivo ho deciso di prendere una bici a noleggio in ostello per 22,000 dong ossia 80 cent. e di andare in spiaggia AN BANG dove ho trascorso tutto il giorno. Inoltre, prendendo un cocco fresco (pagato 30,000 dong), ho potuto usufruire gratuitamente di una sdraio (ovviamente bisogna contrattare anche qui per avere un buon compromesso). 
 
Il giorno successivo, ho noleggiato invece uno scooter al costo di 150,000 dong (circa 7€) per raggiungere l’Hai Van Pass (distante 58 km).
The Hai Van Pass: 19 chilometri di strada che si snodano su una fortezza di montagne, collegando Da Nang con la città di Lang Co nella provincia di Hue.
Fino all'apertura del tunnel di Hai Van nel 2005, l'Hai Van Pass era l'unica via che i veicoli percorrevano per andare da nord a sud in questa regione. Come potete immaginare, il tortuoso viaggio in montagna, che raggiungeva i 496 metri di altitudine, era un incubo per camion e autobus. Oggi invece, è frequentato da ciclisti e motociclisti che vogliono godere di una vista panoramica difficile da dimenticare e decisamente da non perdere!
Partendo da Hoi An bisogna prima attraversare la città di Da Nang (attenzione al traffico, qui è veramente eccessivo; scooter e macchine spuntano da tutti i lati) e dopo circa mezz'ora si arriva al punto più alto della montagna.
Quindi in totale ci si impiega un’ora e mezza o qualcosa in più. Mettete in conto che vi fermerete varie volte lungo la strada dato che sono molti i passaggi da fotografare.
 
È difficile dunque consigliarvi quanti giorni restare ad Hoi An. Io personalmente ci sono rimasta 3 giorni, avendo un visto di 15 giorni, ma è facile trascorrervi anche una settimana perché è davvero una città con uno charme particolare e sicuramente affascinante.
 
Sono molti anche i ristoranti presenti in città. Consiglio in particolare Nhan’s Kitchen: il cibo è molto buono e il personale è super gentile (i prezzi variano da 40,000 dong a 100,000).

Richiesta informazioni


HO LETTO E ACCETTO INFORMATIVA

McLeod Ganj: patria di Dalai Lama


Esplorando il deserto del Rajasthan


Una città segnata dalla guerra: Ho Chi Minh


Đà Lạt: la Città dell'Eterna Primavera


L'altra faccia del Vietnam: Nha Trang



Marica&Sonia

Due instancabili viaggiatrici, con lo sguardo e i pensieri che vagano fuori dai confini del mondo.

CONTINUA A LEGGERE...